"Giuro per i miei denti di latte” giuro per il 
correre e per il sudare giuro per l'acqua e  
per la sete giuro per tutti per i baci d'amore 
giuro per quando si parla piano la notte 
giuro per quando si ride forte giuro per la parola no 
e giuro per la parola mai e per l’ebrezza 
giuro, per la contentezza lo giuro. 
Giuro che io salverò la delicatezza mia 
la delicatezza del poco e del niente 
del poco poco, salverò il poco e il niente 
il colore sfumato, l'ombra piccola 
l'impercettibile che viene alla luce 
il seme dentro il seme, il niente dentro 
quel seme. Perché da quel niente  
nasce ogni frutto. Da quel niente 
tutto viene. 

Da "Senza polvere senza peso" di Mariangela Gualtieri
Giulio Einaudi Editore, 2006

Nessun commento:

Posta un commento